2015 - Road Blues

Double exposure on 35mm red-scale negative

“I was surprised, as always, by how easy the act of leaving was, and how good it felt. The world was suddenly rich with possibility.”

Jack Kerouac; On the Road

2015 - The colour of your perfumed skirt

Tu, tra le mie mani, incontenibile.

Pages from my diary; NYC Summer 2015

Summer and our lives were of a single piece
The countryside ate the colour of your perfumed skirt

Rene Char

2015 - Ostuni, la città bianca

Dove il tempo non dissolve
il profumo delle cose.

Pages from my diary, Ostuni Giugno 2015

Sobba a sti sette munde, tise tise,
tu stè nzeppate, Stune, bedde e ggranne:
pare nu rrè, sobb’a llu trone assise,
nu rrè ca stè ttremende a ttutte vanne.
Treminde li cambagne tanda bedde,
agne ppaìse ca te stè vecine,
l’ àrvulu, li ceppune, li casiedde,
li strate e ppassature, li casine,
ca stone a llu cundurne assemendate,
e lli spighe de grane ca so dd’ore,
e llu mare, ca s’ av’ annamurate
e tte manna nu vase cu llu core.
Lu solu, sobb’ a ttè, cchjù derlambescia,
e rrìchene li case pare pare;
la luna, da dassuse, se ne prescia
de farte festa cu lli stedde chiare.
Tu sinde nu berlande ind’a llu verde
De l’ àrvulu d’alìe e lli ceppune;
a cci te uarda, lasse p’arrecurde

ca tu sì vvianghe e cca sì bbedde, Stune.
Acchessì vianghe e jerte, ci te vete
Da lu lundane t’av’a ssemegghjae
A nnu presèbbie granne, o s’ av’ a ccrete
c’a uecchje aperte sonna, e stè a bbabbiae.
  Li strate logne e ddrette ind’a llu Barche
e cchidde strette e storte ind’a lla Terra,
li chijèsie tove, li palazze, l’ arche,
lu cìrchje de li mure ca te nzerra
so ttutte nu recame beddefatte,
so nnu recame fine, fine assae;
e ppò li case vianghe cumm’a llatte,

ca ci li vete na lli scorda mae.
   Da chessa vanna tiene la Marina,
ch’ì nnu tresore a ttutte li Stunise;

da l’anda stè la Selva a ttè vecina,
la Selva ca de Stune ì pparavise.
Vigne, chjandate, vùscheve, ciardine,
c adone miere, uegghjè e ttanda lione,
po’ fogghje e ffogghje ca puè nghì traìne,
e nnu trebbìnie d’ande cose bone.

Sultanda chidde vùscheve de ‘n diembe
cchjù na nge stone , benga jone date
nome a lla Selva nosta ca, mù, sembe
cumme ciardine pàrene zappate.
    Cultevata da l’omme, cu ssedore,
a ffonde , a vvigne, cchjenede casiedde;
la benedisce agn’ anne lu Segnore
pe ddà lu pane a ttanda puveriedde.
Tu sinde, avversamente, nu paise
ca fasce lu jadduzze sobb’a ll’ande;
so mmiestre de li miestre li Stunise,
e ttu de sta bravura te ne vande.
  Tu tiene, Stune mia, bbeddizze rare
cu ll’aria ca te sana w ccusse cielu…
E ppò dìchene tutte pare pare
Ca sonde li Stunise donge a mmelu.
    Ca pèttene de melu ì llu Stunese,
ma tene pure gnègnere a sccettae;

ca quanne Criste lu gedìzze dese,
a lli Stunise assà ne vonze dae;
e ppe crià nu lasce a ggedezziuse
scì ffesce stu paise beddefatte,
l’arrecamò de vianghe sott’e ssuse,
e ppo, cundende, disse:-L ‘ agghje fatte
cumme nu vere paravise ‘n derra,
vasate da lu solu e ttutte pasce.-
Peddenne ci te vete mà se scerra,
peddenne ci te lassa se despiasce.
Ce stè lundane, sembe ind’a llu core
Ì ttenè Stune o t’ì ppesà de chjande;

sembe t’ì repetae, pe ll’amore
ca cumm’Stune n asse n’acchja n’ande.

Tu, Ostuni, ti ergi alta, bella e grande sui tuoi sette colli: sembri un re seduto sul trono, un re che guarda ovunque tutto intorno. Guardi le campagne tanto belle, ogni paese che ti circonda, gli alberi, le viti, i trulli, le strade, i tratturi, le casine che stanno disseminate nei dintorni e le spighe di grano che sembrano d’oro e il mare che si è innamorato e ti manda tanti baci con tutto il cuore. Il sole su di te brilla di più e ridono le case dapperttutto; la luna dall’alto gioisce nel farti festa con tutte le stelle lucenti. Sembri un brillante tra il verde degli ulivi e delle viti; in chi ti guarda, Ostuni, lasci il ricordo del tuo candore e della tua bellezza. Chi ti vede da lontano così bianca e tanto in alto ti rassomiglia ad un presepe grande, oppure crede di sognare ad occhi aperti e ti contempla stupito. Le strade lunghe e dritte del Barco e quelle strette e tortuose della Terra, le chiese tue, i palazzi, gli archi, il cerchio delle mura che ti racchiude sono tutti in ricamo ben fatto, un ricamo fino, delicato assai, e poi le case bianche come il latte tanto che chi le vede non le dimentica più. Da una parte si estende la marina che è una richezza per tutti gli ostunesi, dall’altra sta la selva che è il paridiso di Ostuni. Ci sono vigne, uliviti, boschi, orti che producono vino, olio e tenta legna e una quantità di atre cose buone. Soltanto i grandi boschi di altri tempi non ci sono più che abbiano dato il nome alla selva nostra che ora sembra coltivata come un giardino, condotta dall’uomo con sudore a campi seminativi; a vigneti punteggiati da trulli; il signore ogni anno la benedice perché possa dare il pane a tanti poveri lavoratori. Tu sei veramente un paese che fai da galletto su tutti gli altri; sono maestri di maestri gli ostunesi e tu ne meni vanto. Tu, Ostuni, possiedi bellezze varie oltre a quest’aria e a questo cielo… hanno ragione quelli che dicono in ogni dove che gli ostunesi sono dolci come il miele. Che proprio un favo di miele è l’ostunese ma ha pure ingegno in sovrabbondanza poiché quando Dio assegnò l’intelligenza, agli ostunesi volle darne di più e per dare una sede a questi uomini intelligenti creò questo paese bellissimo, lo fregiò di bianco da tutte le parti e poi disse contento: – l’ho fatto come un vero paradiso in terra baciato da sole e dalla pace. Per ciò chi ti vede non ti dimenica, chi ti lascia si diaspiace. Se vivi lontano sempre terrai nel cuore Ostuni o piangerai di nostalgia; se ti lamenterai per il fatto che non si trova altrove un’altra Ostuni.